Gesto come istinto, espressione, stato d’animo. Ricerca come ragione, evoluzione, consapevolezza. Il gesto ci ribella da ciò che siamo, senza pensare a dove ci porterà. La sublimazione della rabbia, del dolore, della gioia e dell’estasi.

Il gesto è straordinario per chi lo produce, per chi muove muscoli e nervi.

Talvolta lenti, talvolta veloci, tesi e sgraziati, armonici e morbidi.
Chi ne vede solo il risultato non può che credere nell’attimo in cui sono stati prodotti.

La ricerca è sacrificio. Tarpare i muscoli e far vivere il cervello. Pochi casi come nell’espressione artistica, il ragionamento è oltremodo sfiancante. Chi ne vede il risultato è testimone di un percorso che si esprime con il suo ultimo atto. L’opera.

Gesto egoismo? E ricerca altruismo? Non credo. Credo che gesto e ricerca siano passione.

Amiamo in modo smodato il poterci esprimere, attraverso una tela, una giacca, un sasso o un legno. Melodia e grida, sono due facce della stessa medaglia, la più preziosa dell’animo umano.

Copyright © 2019 Circolo 1901 - S.G.L. s.r.l. - P. IVA: IT 06599910723